L E   I N T E R V I S T E

 

 

Data: 23 gennaio 2020

 

Titolo: Squadra femminile. Il punto di vista di mr. Sasha RUGGERI.

 

Mr. Sasha RUGGIERI buon pomeriggio, ho intervistato la settimana scorsa Victor TOSORATTI sull'inedito progetto di quest'anno calcistico per l'Udine United, ossia la creazione di un settore femminile anche se in fase sperimentale, dandoci le sue impressioni dopo circa sei mesi di attività. Tosoratti, tra l'altro, l'ha indicata quale pilota per questo progetto e quindi chi meglio lei può ragguagliarci sullo sviluppo dell'idea. Pertanto, le pongo qualche breve domanda. Per iniziare può dirci da quanto è allenatore di questa squadra femminile?

Alleno questa squadra da inizio ottobre, e tutto è cominciato quando, appunto, Victor Tosoratti mi ha comunicato che a queste ragazze avevano bisogno di un allenatore. Dopo avermi illustrato il progetto, accettai la nuova sfida anche forte del fatto che ormai è da circa quattro anni che milito nel calcio femminile tanto da poter dire che ormai sono io ad aver bisogno di loro.

Come procede questo nuovo progetto ai Rizzi dedicato al calcio femminile?

Rispondo con piacere a questa domanda facendo però una piccola precisazione, il progetto è delle ragazze, e il grande plauso va unicamente a loro che per questa passione investono tempo e denaro. Detto ciò, posso dire che la squadra si sente orgogliosa di essere entrata nella struttura societaria dell’United Udine Rizzi Cormor, del resto una Società Sportiva con questa nomea farebbe gola a tutti farne parte. Con l’impegno e un solido progetto, le ragazze sono riuscite ad integrarsi molto bene nel tessuto societario riuscendo a prendere fino ad questo momento il plauso di tutti. Non voglio sbilanciarmi però sul nostro progetto perché siamo solo agli inizi e c’è ancora tanto da fare, ma posso solo dire che ci sono molte idee nella testa da discutere con i dirigenti.

Come va l’andamento del campionato?

Per quanto riguarda il campionato, purtroppo, il momento non ci è favorevole anche se la classifica è corta e solo sei punti ci staccano dalla terza posizione. In questa squadra ho letto un gran potenziale e i frutti non tarderanno ad arrivare. In effetti la maggior parte delle ragazze viene da esperienze derivanti dal calcio a undici e pertanto è dura abituarsi ai nuovi spazi, ritmi e schemi del calcio a cinque. Ma stanno tutte lavorando molto per abituarsi ai nuovi ritmi e soprattutto mi rallegra e mi rende fiero il fatto che qualcuna mi chiede allenamenti individuali extra denotando tutta la passione per questo sport.

Si idce che le donne siano molto competitive, e quindi le chiedo che spirito si respira nella sua squadra femminile?

E’ un sano spirito di competizione molto genuino che invoglia tutte alla crescita e al miglioramento delle prestazioni di squadra e quindi ben venga.

Il calcio femminile si è affacciato sulla scena sportiva da alcuni anni e sta venendo fuori con passi da gigante, cosa pensa in merito?

Sul calcio femminile, ho un’idea contro corrente, soprattutto non mi spiego ancora come mai si stia sviluppando cosi tardi. E’ uno spettacolo per gli occhi e per quanto mi riguarda, guarderei più una partita di bassa lega UISP che una partita di Champions maschile. E un calcio rude, duro… è calcio! Quando guardo una partita di calcio femminile vedo personificarsi voglia e tenacia, i principi fondamentali di questo sport. Spero continui questa evoluzione e soprattutto rivolgo un pensiero alla nostra nazionale che faccia sempre di più innamorare la gente. L’Italia e gli italiani accolgano il calcio femminile a braccia aperte.

Da queste parole si nota molto la sua passione per questa parte... come dire... nuova del calcio, quindi mi viene da chiederle su cosa bisognerebbe fare a livello nazionale per promuovere ancore di più il calcio femminile?

A livello nazionale bisognerebbe solo adeguare le leggi in merito. Sarò ripetitivo ma trovo assurdo la differenza di trattamento economico tra uomo e donna. Anche perché le squadre di serie A femminile fanno gli stessi allenamenti di quelle dei colleghi maschi e per tanto difficilmente una donna può impegnarsi in un diverso lavoro. Difficile pertanto per una donna vivere con un solo rimborso di seicento euro al mese (questa è la media delle squadre, al di fuori di Juve, Lyon e Wolfsburg). A livello di Federazione si dovrebbero adeguare leggi e normative, ma non soltanto, anche i Comuni e le Regioni dovrebbero metterci del loro e tanto deve essere ancora fatto dalle nostre Istituzioni, quelle scolastiche incluse.

In effetti, sono daccordo con lei sul fatto che le innovazioni debbano essere sempre supportate con regole e leggi ad hoc. Comunque... tornando al progetto, ascoltandola mi sono fatto una mia idea e penso, anzi sono quasi convinto che questo per lei rappresenta solo un "tassello del puzzle". Mi spiego meglio! Credo fermamente che abbia in mente un progetto molto più ampio, quindi le chiedo, se non sono troppo invadente, quali sono i suoi reali obbiettivi futuri nell’Udine United per quanto riguarda la squadra femminile?

Sicuramente il primo obiettivo è posizionare la squadra nel posto dove merita in campionato. Raggiunto questo traguardo, il passo successivo è cercare di creare una squadra B per permettere a tutte di giocare ed evitare giocatrici fuori rosa. Successivamente vorrei provare, con il benestare della Società e se ci sono le condizioni e soprattutto gli spazi, a creare un vivaio in quanto sono sicuro che l’Udine United voglia continuare con questo settore. Ho in testa progetti ancora più grandi ma al momento, come ho già detto, non mi sbilancio. Dobbiamo pensare al presente prima. A conclusione, di tutto ciò, mi sento, anzi ci sentiamo, di ringraziare Victor Tosoratti per la continua assistenza dataci, senza tralasciare l’importante supporto offerto dalla dirigente Francesca Turchetti negli allenamenti e nel post allenamento.

Data: 18 gennaio 2020

 

Titolo: Spazio alle "donne". Ne parliamo con Victor TOSORATTI.

 

Victor TOSORATTI, vedo con piacere che anche l'Udine United Rizzi Cormor, come già avvenuto per altre Società calcistiche, sceglie di dedicare uno spazio alle donne. Dall'inizio della stagione sportiva 2019/2020 infatti, nel Club è nata la squadra di calcio a cinque femminile. Un progetto sperimentale per contribuire a valorizzare il settore femminile in continua crescita nel settore calcistico italiano:

sì... in effetti da settembre scorso abbiamo dato fiducia ad una proposta lanciata dalla nostra dirigente Francesca TURCHETTI, che collabora con la UISP (unione italiana sport per tutti). Grazie alla sua determinazione è stata allestita una squadra che partecipa campionato di calcio a 5 femminile organizzato proprio dalla UISP. La squadra al momento conta tredici ragazze allenate dal mister Sasha RUGGERI.

Che entusiasmo c'è in questo nuovo progetto e soprattutto cosa vi aspettate da questa squadra?

Finora, per questioni prettamente logistiche, non ci eravamo mai cimentati con il calcio femminile, nonostante le proposte di collaborazione che ci arrivavano, ma dopo la realizzazione del campetto sintetico e visto che l’orario di impegno della squadra non andava a sovrapporsi all’attività ordinaria (già sostanziosa) abbiamo deciso di accettare questa nuova sfida appoggiando l'idea della TURCHETTI con entusiasmo. Una squadra femminile ha bisogno di spazi e soprattutto di strutture idonee ad accogliere le calciatrici e fortunatamente, grazie alla costruzione del campo sintetico e la disponibilità di spogliatoi adeguati, abbiamo ritagliato loro un adeguato spazio serale.

Una volta consolidato questo progetto, avete intenzione di potenziarlo? Che aspettative avete per il futuro?

Se son rose (colore quanto mai calzante in questo caso!) fioriranno, potremmo anche pensare ad un potenziamento ma solo se compatibile con l'aspetto sia logistico sia organizzativo. Per il momento le cose vanno bene, soprattutto grazie all’impegno di mister Ruggeri, e continuiamo ad impegnarci a far si di concludere l'anno calcistico nel migliore dei modi. Comunque per il futuro dipenderà soprattutto dalle protagoniste valutare se continuare o meno.

Grazie TOSORATTI... noi rimarremo qui, curiosi, in attesa!

Data: 5 maggio 2019

 

Titolo: quando i sogni si trasformano in traguardi, qualcuno ne fa uno stile di vita.

 

Mister Yari, oggi ha ottenuto un grandissimo risultato che testimonia tutta la sua passione per questo stupendo sport. Per quel poco che l'ho conosciuta, so decisamente che per lei è una soddisfazione non da poco aver raggiunto un cosi ragguardevole traguardo. Come si sente in questo momento soprattutto dopo gli alti e bassi di questo campionato calcistico che ormai volge al termine?

"voglio ringraziarla innanzitutto per il tempo e lo spazio che mi sta dedicando, in merito alle sue domande, non ho grandi cose da dire... mi sento bene con me stesso felice per questo traguardo ottenuto con sacrificio e ringrazio sentitamente chi ha voluto condivederlo con me. Il prossimo anno se siederò su una panchina inizierò la venticinquesima stagione da Mister... e mi sono promesso di essere un attimino più lungimirante nei rapporti con le dirigenze... più riflessivo e meno diretto... in questi anni NON lo sono stato e probabilmente mi sono bruciato anche qualche possibilità interessante... ma ritengo di essere uno che guarda diritto e se mi daranno delle possibilità, consone a quello che desidero, mi farò trovare pronto".

Mister, non posso che augurarle un grosso in bocca al lupo per i suoi progetti futuri, ho sempre pensato che una persona spinta dalle giuste motivazioni può fare molte cose e sono in molti a pensare che lei ha tutto quel che serve per arrivare in molti altri traguardi. Però una domanda mi nasce spontanea... se per il prossimo anno otterrà quello che desidera, cosa farà successivamente?

"Be... inizierò semplicemente la scalata alle 700 panche!"

Data: 26 novembre 2018

 

Titolo: Quando l'unica opzione sembra quella la spugna, una vera squadra inzia a strigere la morsa.

 

Mister Yari, ieri ha chiesto ai suoi di gettare il cuore oltre l'ostacolo, di liberare la mente da ogni distrazione, ogni timore e ogni perplessità, non ha voluto distrazioni fino a prima dell'inizio della gara. I suoi ragazzi non hanno esitato e lo hanno ben ripagato. Il secco a 3 a 0 toglie la squadra da una posizione imbarazzante di classifica e carica le batterie in vista dei prossimi incontri. Abbiamo chiesto al Mister due parole sul match di ieri, il più prolifico fin ora disputato. Ecco le sue parole:

"Partita equilibrata giocata sugli episodi. L'Udine United ha saputo sopperire le numerose assenze, con elementi giovanissimi provenienti dal nostro vivaio, un elemento dell'annata 2001, quattro dell'annata 2000 e uno dell'annata 1999 e il giocatore più vecchio, per cosi dire, un elemento dell'annata 1996. L'Aurora era determinata a portare a casa l'intera posta in palio, ma si è scontrata contro un gruppo affamato e deciso a rompergli le uova nel paniere. La squadra di casa dopo un avvio timoroso si è adattata al ritmo degli avversari in poco tempo riuscendo alla lunga a metterli in difficoltà. Vittoria meritata dunque grazie ad una grande attenzione e l'intensità applicata per tutta la durata della gara. Posso dunque solo affermare l'ottima vittoria meritata. Segnata una serie positiva che arriva a tre giornate soprattutto da sottolineare l'imbattibilita difensiva.

Adesso bisogna solo di continuare a percorrere questo viale, il percorso è stato segnato e intrapreso bisogna solo seguire la scia luminosa.

Data: 16 ottobre 2018

 

Titolo: Da ora in avanti inizia il nostro campionato.

 

Dopo la buona prestazione di domenica scorsa, è arrivata un altra sconfitta che non sa proprio di amaro. In effetti, tuto era già stato messo in preventivo visto che si è giocato contro una squadra costruita per vincere il campionato. Chi ha visto la gara ieri, ha commentato note positive sull'operato dei ragazzi di Mr. Tullio. In effetti i padroni di casa, soprattutto nel secondo tempo, hanno avuto il loro ben da fare per tenere a bada i ragazzi in giallo-blu:

"Peccato per il risultato finale! Contro la prima della classe, e decisamente la più forte affrontata fin ora, i miei ragazzi hanno fatto vedere di che pasta sono fatti giocando un'ottima gara. Il primo tempo è stato giocato bene e in maniera accorta, siamo stati forse un pò passivi e probabilmente sentivamo il peso della gara dovuto a chi avevamo di fronte, ossia una squadra costruita per vincere il campionato formata quasi completamente da ragazzi che provengono da categorie superiori. Abbiamo chiuso il primo tempo sotto di un solo goal che però non ci ha demoralizzato anzi, ci ha dato carica. Infatti nella ripresa, i ragazzi hanno messo alle corde in più occasioni la squadra avversaria dimostrando identità precise e una crescita importante. Peccato per la seconda rete presa quasi al 4° minuto di recupero, veramente ingenerosa.

Mister, alla settima giornata la squadra si trova in terz'ultima posizione, ma la classifica è molto corta, cosa dobbiamo aspettarci nelle prossime partite:

"come ho deto già in passato il nostro obbiettivo rimane la quota salvezza. Fin adesso abbiamo affrontato principalmente squadre di vertice... posso dunque affermare che da ora ha inizio il nostro campionato! Infatti, da domenica prossima in poi, andremo ad affrontare ben otto scontri diretti e, come ho sempre affermato, abbiamo tutte le carte in regola per scrivere la nostra storia in questo campionato. Per domenica, contro la Serenissima, faccio un appello a tutti in notri sostenitori compreso il nostro settore giovanile, venite al Capocasale a darci una mano col vostro tifo.

Data: 16 ottobre 2018

 

Titolo: questa squadra può giocarsela in questo difficile campionato.

 

Il primo storico punto conquistato tre settimane fa, aveva fatto ben sperare sull'andamento del proseguio del campionato dei ragazzi di Mister Tullio. In effetti il lavoro di sacrificio svolto fin ora, lentamente sta producendo i suoi frutti. Ne è testimone la prima storica vittoria ottenuta ieri contro un avversario di alta classifica a testimonianza che l'Udine United può giocarsela con qualunque tipo di avversario. Abbiamo chiesto al Mister cosa dobbiamo aspettarci da qui in avanti dai suoi ragazzi:

"era nell'aria, stiamo crescendo gara dopo gara, allenamento dopo allenamento. Il gruppo si stà sacrificando tantissimo! Ci alleniamo quattro/cinque volte a settimana e i ragazzi stanno facendo di tutto per farsi trovare pronti la domenica. Continuiamo ad avere tantissime assenze ma l'unità del gruppo riesce a sopperire a tali mancanze. La gara di domenica scorsa è stata giocata con il piglio giusto dal primo, all'ultimo minuto di recupero. Abbiamo dimostrato ancora una volta che possiamo giocarcela in questo difficile campionato ed ora dobbiamo continuare a schiacciare l'acceleratore senza guardarsi indietro.

 

Mister, se mi è lecito, volevo chiederle chi è stato fin ora il giocatore più rappresentativo di questa squadra?

Come ho accennato poc'anzi, la forza di questa squadra risiede nel gruppo, nel lavoro e nello spirito di squadra e per quanto mi riguarda è difficile rispondere alla sua domanda, ma comunque voglio sottolineare le gesta di due giocatori in particolare, me lo permetta lei... Zoratti quale perno del centrocampo, che abbina tantissima qualità ad una grande personalità e presenza in mezzo al campo, e Calligaris quale uomo tuttofare, giocatore insancabile e di rara intelligenza.

Data: 24 settembre 2018

 

Titolo: il primo storico punto nella prima categoria.

 

Dopo le sconfitte rimediate nella prima e nella seconda giornata, finalmente la Prima Squadra riesce a guadagnare il suo primo punto sull'isidioso campo della Buiese. Dopo essere rimasti in dieci uomini e con un rigore negato, la formazione di Mister Tullio riesce a strappare un punto importantissimo che oltre a muovere la classifica da una ingezione di fiducia alla squadra. Abbiamo chiesto a Mr. Tullio le sue impressioni:

"e' stata una gara spigolosa in cui entrambe le squadre hanno provato a giocarsela. Siamo rimasti in dieci dopo un nostro fallo panalizzato con la massima punizione al 22esimo minuto del primo tempo, a seguito di un errore di gioventù. Successivamente al goal subito, dopo un attimodi di confusione, abbiamo ristabilito la parità nel primo quarto d'ora del secondo tempo. Nella stessa azione che ci ha portati a trovare il pareggio, c'era un fallo da rigore per noi e conseguente espulsione per un difensore della Buiese non ravveduti dall'arbitro. La cosa che mi è piaciuta dei miei ragazzi è stata quella di non chiudersi nonostante lo svantaggio numerico e di risultato riuscendo anche ad avere alcune possibilità per portare a casa i tre punti. Tutto il gruppo è stato decisivo per il primo storico punto nella difficile prima categoria.

 

Mr. Tullio, cosa ne pensa dell'andamento della squadra fino ad ora?

"alleno un gruppo giovanissimo con età media intorno ai 20/21 anni con 2 vecchietti (se così si può dire) di neanche 30 anni. L'entusiamo, l'organizzazione e la voglia di sorprendere sono le nostre armi! Fino ad ora, nonstante le due sconfitte nelle prime due giornate, abbiamo dimostrato che in questa categoria ci possiamo stare e costruire la nostra pagina di storia. I tanti errori di gioventù pian piano diminuiranno e di conseguenza verranno fuori tutte le nostre forze. Siamo una piccola realtà che sta gradualmente prendendo vita e sta modellando le  caratteristiche tipiche richieste da questa categoria.

 

Ma... qual'è l'obbiettivo che vi siete prefissati?

Il nostro obbiettivo primario è arrivare quanto prima alla quota salvezza senza perdere mai di vista il divertimento e la crescita dei nostri tanti giovani.

Mr. TULLIO Yari

 Data: 02 settembre 2018

 

Titolo: l'Udine United Rizzi Cormor è Centro di Formazione dell'Udinese Calcio.

 

Oggi abbiamo intervistato Victor TOSORATTI che ci ha rilasciato l'ufficiale notizia "bomba":

"l'A.S.R.D. Udine United Rizzi Cormor e A.S.D. Union Martignacco sono due Società di calcio dilettantistico locale praticamente "gemelle", ovvero hanno esattamente le stesse squadre negli stessi campionati e tutte le giovanili regionali,oltre agli  juniores regionali e alla prima squadra in prima categoria, ed entrambe sono Scuola calcio Elite, qualifica che hanno pochissime Società in Regione (numero di tesserati complessivo: circa 700)

A inizio 2018 le due Società si sono incontrate perchè consapevoli di essere due realtà ormai consolidate e con un potenziale enorme, ed hanno deciso quindi di collaborare per un PROGETTO TECNICO, ovvero la condivisione degli incontri di formazione degli allenatori, le strategie e tutto quanto possa portare ad elevare ulteriormente il movimento sia dal punti di vista tecnico che culturale.
Inoltre sono due Società limitrofe, e questo apre grandi possibilità!

In concomitanza (ma un pochino dopo), l'Udinese, nella persona di Angelo Trevisan, ha contattato entrambe le Società per proporre il nuovo progetto "Centri di Formazione Udinese Calcio", secondo il quale l'Udine United Rizzi Cormor e l'Union Martignacco sarebbero, per la zona di Udine, "Centro di Formazione Udinese Calcio", ovvero la "Scuola Calcio dell'Udinese" (quindi per le categorie Piccoli Amici-Primi Calci, Pulcini ed Esordienti); in cambio l'Udinese offre momenti di incontro, scambio, crescita e ovviamente a fine anno preleva i migliori giovani calciatori dalle società affiliate per rimpinguare nuovamente e finalmente le squadre dell'Udinese con giocatori friulani!

Abbiamo deciso di aderire a questo progetto, che non fa altro che permettere di alimentarne uno già esistente e di dare ulteriore linfa alla crescità di tutto il movimento.

Pochi giorni fa è stato firmato l'accordo, ed ora è ufficialmente operativo".

Organigramma operativo:

A.S.R.D. Udine United Rizzi Cormor
presidente: Elio Moretti
responsabile settore giovanile-agonistica: Gianfranco Varutti
responsabile sett.giov. attività di base: Gianni Borzì

A.S.D. Union Martignacco
presidente: Marco Rebonati
responsabile settore giovanile: Gianpaolo Lunardi
responsabile tecinco: Giovanni Cesarano